Piccola guida al mondo pinteressante: Pinterest per i blogger (e non solo)

[Attenzione. Sto per parlare di Pinterest. Sappi che questo social crea dipendenza, un pin tira l’altro e smettere sarà parecchio difficile. Io ti ho avvertito]

Inizio con Pinterest le mie piccole guide ai social rivolte ai blogger e a chi lavora con il web.

Questo perché è il social che più amo, quello a cui mi rivolgo nei momenti di mancanza di ispirazione, quando voglio salvare in modo ordinato un articolo o un’immagine trovata in giro per il web, quando voglio arredare la mia casa immaginaria (ma questo è un altro discorso).

Tre sono le qualità principali di Pinterest:  ricerca, organizzazione e condivisione.

Vediamole una ad una.

 

1) Pinterest Is The New Google: chi cerca su Pinterest trova un tesoro.

Non appena entri in Pinterest potresti sentirti un pò disorientato. Facebook ti ha insegnato a parlare di te stesso, mettere le tue foto e ogni tanto a sbirciare quello che fanno i tuoi amici.

Qui invece troverai poche persone che conosci e la tua home page è invasa da foto, articoli e non sai bene cosa fare…dov’è il tasto mi piace? Ti consiglio di puntare subito sulla barra di ricerca.

Quali sono i tuoi interessi? Inizia fin da subito a fare ricerche e a seguire quelle bacheche che potrebbero esserti utili. Ho notato che molti che si avvicinano per la prima volta a questo social sono restii a seguire le altre bacheche ed utenti mentre credo che sia la chiave per usare Pinterest con successo.

La tua bacheca sarà ogni giorno colma di pin interessanti, utili, perfetti per te e le ricerche si faranno sempre più precise. Immagina un Google di nicchia, con contenuti originali e non visti e stravisti, capace di sorprenderti ogni volta che lo apri.

Devi seguire però le regole del gioco quindi inizia a ricercare e seguire come se non ci fosse un domani

 

Pinterest quote

 

2) “Hey, ha una bacheca per tutto” (cit.) Pinterest e l’organizzazione definitiva.

Segui un sacco di blog e non sai dove salvare l’articolo perfetto per quel progetto che hai in testa. Trovi un’immagine che potrebbe tornarti utile in un post ma sai che se la salvi sul pc andrà presto perduta.

Vuoi condividere con un cliente le ispirazioni per un progetto senza però renderlo pubblico. Ecco questa è la fase 2 di Pinterest: l’organizzazione definitiva. Dopo aver fatto qualche ricerca ti sarai reso conto che ogni pin si trova in una bacheca nella quale puoi trovare una marea di contenuti correlati interessanti.

Bene, è tempo anche per te di creare le tue bacheche. Inizia con una decina di bacheche divise per argomento, con la descrizione e selezionando la categoria a cui fanno riferimento.

Dedica solo una bacheca ai tuoi lavori personali mentre nelle altre inserisci o fonti esterne (puoi caricare immagini ed inserire link con il bottone + in basso a destra) oppure repinna da altri utenti.

Puoi anche decidere di tenere alcune bacheche segrete o di crearne alcune di gruppo. Ecco che inizia la magia di Pinterest ed il tuo internet non sarà mai stato così ordinato.

 

Pinterest quote 1

 

3) Conosco un pinner che conosce un pinner che sarebbe molto interessato ai tuoi pin (semicit)

Come ti ho detto una bacheca è da dedicare ai tuoi lavori. Che siano articoli, immagini, ricette etc… anche questi sono Pin ed una volta entrati in Pinterest potrebbero essere la risposta perfetta alla domanda di un altro utente.

Qui questo social non è più solo motore di ricerca e magazzino per le tue fonti ma diventa un modo per dare visibilità a quello che fai. Ho già accennato al galateo di Pinterest: segui altri utenti, repinna, metti mi piace e non inondare di soli tuoi lavori ma di contenuti originali che potrebbero essere utili anche agli altri.

Questa era la mia piccola guida, su pinterest troverai tantissimi post su come aumentare i follower, come ottimizzare il tuo profilo etc… quindi vai, cerca e se ti va seguimi

P.S.

Mentre facevo alcune ricerche per questo articolo ho trovato questo gioiello su youtube, la canzone rap di Pinterest.

Leave a Reply

Your email address will not be published.